Immigrati vade retro


La riapertura delle quote per gli extacomunitari farà precipitare del tutto il controllo sugli ingressi clandestini, gentile ministro Amato. Chiediamoci perché in coda per le regolarizzazioni erano presenti così tanti immigrati, che in teoria dovevano essere all’estero? E cosa risponde l’attuale governo: visto che ci sono già cos’ tanti clandestini, tanto vale regolarizzarli tutti. Non pensa invece di fare una azione di polizia – con serenità e senza l’uso improprio della forza – e riportare tutti nei paesi di origine? Questo non si può fare – obietta il governo di sinistra, per definizione vicino alle aziende – perché altrimenti le aziende cadrebbero in ginocchio. Poi visto che è più radical chic appellarsi alla salute delle aziende agricole, piuttosto che alla totalità delle aziende…!

E gli italiani? I disoccupati italiani, i laureati disoccupati italiani? Quelli che hanno inseguito il sogno di un futuro brillante dopo anni di studio inutile, infarciti delle stupidaggini di certa cultura che vuole l’istruzione alla portata di tutti, cosa faranno, questi italiani? Istruiti, come vuole la democrazia, ma disoccupati in un paese schizofrenico che non è in grado di promuovere una cultura del lavoro manuale, del sacrificio e della pazienza ed è capace solo di vendere sogni di consumo.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;Immigrati vade retro

  1. non consideri che forse non c’è lavoro indipendentemente dal fatto che ci sono molti immigrati regolari e non in italia? che forse la stragande maggioranza di questi immigrati regolari e non fanno lavori umilissimi? lavori per i quali non occore essere laureati? che sono persone istruite ma fanno le colf, le badanti, i manovali ecc … sempre se riescono a trovarlo un lavoro per campare … che la gente viene manipolata dalla retorica mediatica che dipinge l’immigrato come qualcuno di estraneo, indesiderato, che non porta nulla di buono … se proviamo a guardare oltre il nostro naso ci accorgiamo che le cose in italia non funzionano indipendentemente dalla presenza degli immigrati anche se è più facile e + comodo sfogare su di loro la nostra rabbia.

  2. Lavori umilissimi per i quali non occorre essere laureati? Infatti, non ti sei mai chiesta perché in Italia sono così tanti i laureati? Forse ne avremmo bisogno qualcuno in meno, ma, ripeto, certa retorica che tu citi, ha indiscriminatamente alzato lo status di laureato, promettendo, promettendo…in realtà ha solo saputo distruggere un cutlura, quella italiana, fondata sulla creatività, sulla capacità di creare con le mani e con la testa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...