Buona fortuna


Non ho mai sopportato i collettivi, le community, le riunioni, i gruppi, gli ideali condivisi, le marce della pace, le uscite delle donne alla festa delle donne, le associazioni, le rimpatriate…non mi interessano, ma, purtroppo mi innervosiscono anche, quindi, vista l’atmosfera di questo blog, saluto e mi allontano. Dal caos nascono gli incontri, dai programmi nascono le relazioni, che non mi entusiasmano. Quando riuscirò a ritrovare molti di voi ripuliti dal virus della messa in comune? Buona fortuna.

Annunci

15 Pensieri su &Idquo;Buona fortuna

  1. Fulvio….mica abbiamo fondato un partito! Mica organizziamo un incontro per uno sposalizio di massa! Abbiamo solo fatto 538 chiacchiere su questo ambiente virtuale. Se io ho un amico, e questo amico mi invita a bere una vodka con un altro suo amico, mica vale la proprietà transitiva…Dai che sennò la mia amica Michela va in crisi di astinenza da tuoi post!

  2. Che commento amaro Fulvio…
    Guarda che il fatto di vedersi e di provare a scrivere una cosa insieme (ammesso che ci si riesca..) non implica nulla se non ciò che è, cioè la voglia di fare qulcosa insieme e di conoscersi personalmente ad una festa. Strano, da te non me l’aspettavo… Non lo dico in senso negativo, dato che ognuno ha diritto di dire e pensare quello che vuole, ma mi ero fatta un’idea di te che evidentemente non corrisponde al vero. Quando ci incontreremo faremo un brindisi alla tua salute, io ovviamente, analcolico!
    Ciao Fulvio, che il virus sia con te!
    😉 Cate

  3. Buona fortuna, in bocca al lupo x tutto..
    Chissà se al posto della tua bruschetta inseriranno il circolino di cinghios? Si libera un quadratino?…Booh

  4. Mi sà che hai ragione Guizzo! mi chiedevo giusto cosa fosse quella roba verdognola sopra, pensavo a qualche battuto strano… invece erano i semi :))))

  5. Ops, vedo solo ora questo tuo post. Mi spiace che tu non veda di buon occhio quel che è successo negli ultimi giorni. Soprattutto non capisco proprio come tu abbia potuto pubblicare il primo commento sul post di BlogGiacosa del 29. Dicevi che ti sarebbe piaciuto scrivere su un inserto di blog de La Stampa.
    Ora non ti piacciono i collettivi. Ti innervosiscono addirittura. Non so bene cosa avresti voluto scrivere sull’inserto de La Stampa. Chiarirlo non farebbe male.
    Io personalmente non vedo la partecipazione di questi giorni come una voglia di parlare e chattare e fare comunella. A me sembra che i blogger di qui abbiano capito che l’unica possibilità di fare qualcosa di maggiore impatto coi blog è quella di stare insieme.
    Non lo vedo affatto come un virus. Lo vedo piu’ che altro come un vaccino contro il vero virus, il gioco dei potenti, nell’informazione, nella politica, nella società. Ma non eri tu a lamentarti della farmacista sgarbata??
    Certo, un romanzo non è il modo piu’ efficace per attentare a questi poteri. Ma ora si sta solo iniziando, in futuro si cercherà un’escalation.

  6. Grande Filippo, sono assolutamente d’accordo con il tuo commento!
    Inoltre, Fulvio può anche non partecipare al “romanzo” e anche alla festa senza per questo, doversi chiamare fuori dal suo blog… Mi pare una presa di posizione davvero umorale, infatti gliel’ho scritto. Credevo che dopo qualche giorno si sarebbe rifatto vivo, invece tutto tace… Bho, chissà…
    Cate

  7. Ciao Fulvio leggo ora questo post e sono anch’io “sbalordita”…
    Concordo con quello che ti hanno scritto Cate e Filippo e vorrei continuare ad averti tra noi.
    Sono dispiaciuta…Fulvio pensaci. Un ritrovo o un romanzo collettivo sono espressione di rapporti umani innanzi tutto. Ma a parte questo, sul quale ovviamente la pensi come credi, perchè lasciare il blog ?
    Ti ripeto, pensaci.
    Spero tu possa restare con noi.
    Irene

  8. Hai scarsa capacità di adattamento, non fai squadra ed hai istinto alla polemica gratuita. Fai bene a scartarti e a levarti dai coglioni. Questi anni da parassita ti hanno almeno insegnato qualche cosa.
    Solo i pederasti gestiscono le agenzie di lavoro interinale. Sono dei passivi nel sesso come nella vita, non imparano un mestiere quindi vivono sui mestieri degli altri e sulla loro capacita\\\\\\\’ di adattamento.
    L\\\\\\\’imprenditore che si affida ad un agenzia interinale e\\\\\\\’ un fallito, crede poco nelle sue capacita\\\\\\\’ e nella capacita\\\\\\\’ produttiva, sul lungo periodo, della sua azienda. Di solito ha problemi di erezione ed anche in questo caso prende un interinale per fare godere la moglie.

  9. Credo che tu abbia esagerato. Il tuo post contiene affermazioni che non offendono me – prego leggermi prima di scrivere – ma altre persone. Mi son fatto una grassa risata ma temo tu ti sia bruciato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...