Il perbenista


Ama l’etnico, ama la tecnologia, ama il supermercato, ama la casa pulita, ama la moda, legge Faletti e Brown, guarda la tv. Il perbenista s’incattivisce se tu non ti stupisci di fronte alle sue foto digitali, all’ultimo modello di Ipod, se non te ne frega niente dell’ecografia di sua moglie inviatagli dal medico via e-mail. Il perbenista si scandalizza della perversione, vuole rinchiudere i drogati e mandare via gli stranieri, ma poi partecipa alle gare di solidarietà trasmesse alla tv, si commuove di fronte alla mamma che spiattella le sofferenze del figlio in eroina, o davanti al piccolo povero terzomondista che piange perché non ha pane e le ossa escono dal costato. Poi lo stesso perbenista se ne esce in auto tutti i giorni e consuma petrolio, si compra le magliette made made in marocco dello stilista di turno, trascorre le domeniche all’outlet della moda. Che triste vita, perbenista.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...