Un mattone sopra l’altro, un giorno dopo l’altro


Siamo poveri, forse più poveri di prima: questo mi dicono i giornali e questo mi ripete la televisione. Io però mi sento sempre uguale a prima. Sarà che per fortuna il mio lavoro non l’ho perso, sarà perché continuo a fare la stessa vita che facevo prima e sarà perché sono nato contadino ed ho imparato a seminare piccoli semi e ad aspettare i frutti, curando ogni giorno le mie piante.

Fuor di metafora, ho imparato che occorre mettere tutti i giorni un pò di amore in quel che si fa, costruire piccoli pezzi per poi avere alla fine il mondo nelle mani. Piccoli passi, uno dopo l’altro, ma senza fermarsi mai e senza sperare mai nella fortuna, che non è mica vero che prima o poi passa per tutti. Col cavolo che passa. La fortuna è anche un pò stronzetta e conviene proprio dimenticarla, pensando sempre, ogni giorno, ogni ora, che abbiamo davvero la possibilità di costruire qualcosa, con le mani, con la testa che ci è stata data. Abbiamo un grande potere e chissenefrega se mi dicono che sto diventando povero…e poi povero, cosa significa: che non posso più spendere? E quindi? Mi devo disperare perché non posso più spendere? Quante altre cose posso fare se non spendo. 

Forse è vero che il mondo occidentale è un pò in difficoltà, ma la fiducia si riconquista con piccoli gesti quotidiani, il mattone sopra la’ltro, la forza che ogni giorno può crescere guardando al progresso fatto ieri. Si lo so, è un pò un concetto fuori moda, oggi ci si aspetta il miracolo, oggi e adesso, e ci si rallegra quando le borse mondiali si impennano, ci si rattrista quando vanno giù.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...