…E ritornerà gay


Luca era gay…e ritornerà gay. Mi dispiace per la tua ingenuità, caro Povia che hai creduto alla storia di Luca ed hai voluto scriverne una canzone, ma appunto perché è solo una canzone e perché è una canzone nata da una storia, sarà meglio chiarire subito.

Caro Povia, tu sei rimasto affascianto dal racconto di questa vita di Luca e l’hai messa in musica con gli strumenti che hai, non ti si può certo chiedere di essere intelligente. Perché alla fine è proprio questione di capacità di comprensione limitata, caro Povia, l’errore nel quale sei caduto: ma quando Luca ti raccontava i suoi fatti privati avresti potuto almeno fargli alcune domande chiave!

Caro Povia avresti potuto almeno chiedere a Luca: ma tu, gliela mangi? Perché la differenza sta tutta lì. Se Luca non gliela mangia, è ancora gay. Se luca gliela mangia, allora è un etero che ha avuto una sbandata, anche se ci credo poco, perché una volta assaggiato, il membro resta sempre nella memoria e di fronte ad una passerotta non regge il confronto, per un gay doc.

Certo Luca ti avrà raccontato che ha trovato la serenità, che ore crede in Dio, che ha fatto pace con la mamma e con il papà, che non c’è gioia più grande di una sposa in bianco che ti offre il suo mirtillo proibito, ma poi non ti ha detto il resto: che la sera va a caccia nelle strade buie, che si sente battere il cuore davanti ad un algerino che lo riempie di baci sul collo, che ha trovato la sua nuova dimensione di etero adultero.

Perché è molto più facile essere felicemente sposati e tradire la moglie con un altro uomo, magari di quelli come te, con una voglia pazza di essere schiaffeggiati da un membro sulle gengive e poi tornarsene a casa e dare un bacio alla moglie e guardare i figli con orgoglio. NEssuno si è accorto di nulla, tutto va bene per Luca. Questo è il suo equilibrio.

Il primo c….o non si scorda mai.

Annunci

3 Pensieri su &Idquo;…E ritornerà gay

  1. Elio, sai che non avrei voluto scrivere su questa canzone e l’ho fatto solo dopo parecchi giorni dalla lettura del testo. L’unico motivo per cui l’ho fatto è: soffro.
    Solo per questo e non trovo giusto soffrire per colpa di una canzone. Farò tutto quello che posso per rendere difficile la vita di chi l’ha cantata e di chi ha permesso di farlo. Non importa se non otterrò nulla, ma almeno mi passerà la rabbia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...