La ragazzina…promette


Rabbrividisco, dapprima, poi sorrido e, sebbene sia passato solo un quarto d'ora dall'inizio dell'intervista, vorrei già catapultarla fuori. La tengo lì, di fronte a me, invece, perché adesso voglio divertirmi un pò. Eh sì, perché la signorina in questione è anche supertitolata sulla carta, con uno di quei cv che cestinerei alla prima lettura: piena di master e corsi di specializzazione, capace di praticare gli sport estremi e immancabilmente iscritta al club prestigioso della città, sa fare tutto lei, ha viaggiato (Jerba o Fromentera, Sharm El Sheik o Costa Smeralda, accetto le scommesse), Le piace il kickboxing e non può fare a meno di un'ora di golf tutti i giorni, anche se in autunno preferisce l'equitazione, ha sempre potuto studiare con profitto perché la famiglia l'aiutava, pagandole un appartamento a Milano. Lei è di Pa……

Ma facciamo un passo indietro, alla domanda che ha scatenato la mia furia. Ho un bisogno: ho voglia di scoprire chi sta veramente di fornte a me, al di là delle maschere solite che si indossano ai colloqui. In questo caso è ancora più importante perché il posto è per l'area risorse umane e  la fanciulla dovrebbe essere il mio braccio sinistro (quello destro no, perché lo uso per l'autoerotismo e come sapete, lì la donna con me non riesco proprio a figurarmela).

Lei legge?

Oh si…leggo, letteratura italiana contemporanea soprattutto.

Sono incuriosito, sto per…ma Lei mi precede, mi dice che ha letto tutto Faletti, ma la sua preferita resta Sveva Casati Mo…No, non la lascio finire, sto per spazientirmi e passare oltre, ma lei aggiunge:

e poi leggo tutti i libri per solidarietà

Non capisco, la guardo serio.

Si –  sorride la stupidella – intendo dire che leggo i libri, ad esempio quelli dei comici, tipo barzelette o altro, se so che il ricavato va a favore di qualche causa sociale, perché mi sento di dover fare qualcosa, a volte ci si dimentica degli altri e non si ha mai tempo, così faccio questo piccolo atto di solidarietà.

Avere trent'anni ed essere così, che peccato! Per lei, soprattutto, Mi domando come sia possibile, che si dimentichi così il piacere della lettura, si riduca a questo! In nome di cosa, poi? Dell'informazione? E' una diatriba antica, ma io mi sento sempre più sconfortato quando ai colloqui mi si parano di fronte giovani senza cultura che millantano cultura. Preferisco la sincerità e la consapevolezza di chi mi dice: non leggo e non mi interessa perché sto tutto il giorno davanti alla playstation o davanti allo specchio per pettinarmi come Britney Spears! Chissà quando incontrerò il candidato che mi sorprende raccontandomi le sue impressioni su Palazzeschi? L'assumo subito. Un cervello vivo voglio vedere di fronte a me, se vuoi sorprendermi per la tua cultura, caro candidato, non mi interessa un curriculum pieno di parole inglesi.

Annunci

6 Pensieri su &Idquo;La ragazzina…promette

  1. Palazzeschi…ho pensato, quello di Don Camillo ? E invece no, quello era Guareschi….
    L’hai detto tu che apprezzi la sincerita’…
    Randagia, che ti augura tanta fortuna con i tuoi candidati

  2. Buonasera,
    essendo Lei probabilmente lo stesso autore di “Quattro gnocche ed un colloquio” , credo infatti improbabile – anche se non impossibile – che esistano due Responsabili HR nell’ambito dello stesso blog, ebbene, credo di doverle delle scuse.
    Se siete due individui diversi allora no, non Le devo nulla…ma se siete la stessa persona certamente sì.
    Tanto ero in disaccordo nel blog che ho citato quanto condivido quanto da Lei scritto qui.
    E’ vero, assolutamente sacrosanto ciò che scrive.
    Purtroppo non vorrei, dubbio che mi sorge legittimo, che noi si stia invecchiando, che le aspettative relative ad un cervello in stato di “ON” siano più elevate di un tempo, oppure che noi non ci si sia saputi adeguare ai tempi…è una sorta di timore che viene dal fatto che l’assenza di consapevolezza è una dele caratteristiche di coloro i quali ormai sono avviati verso il declino.
    Spero non sia il Suo (ed il mio) caso, la Fanciulla non l’ho vista ma dal Suo scritto traspare anche una persona presuntuosa e supponente, caratteristiche che la Vita saprà evidenziare dolorosamente…ma se noi si è nel giusto, se quanto Lei descrive risponde ad una fotografia dolorosa della nostra gioventù, allora mi sento pessimista rispetto alla competitività che noi dovremmo avere come Paese aderente all’UE.
    Viaggio molto e non ho ancora trovato un tedesco o francese di cultura media che mi scambi Heidegger per il terzino destro della nazionale tedesca…cosa purtroppo da me udita nell’ambito del nostro territorio nazionale.
    Cordialmente.
    Fabrizio

  3. Essendo stato autore di CV reali, ed essendo onesto per definizione, temo di dover segnalare che tale pratica non paga, come in altri campi del resto.A meno che che non si abbia una grande fede in se stessi e una vita molto lunga davanti. Palazzeschi è uno dei pochi toscani che amo letterariamente, ma che fosse divenuto punto d’onore ai colloqui di lavoro mi giunge nuova. 🙂 Di solito erano più interessati al pezzo di carta che non al contenuto della testa di colui che lo recapitava. Ma il tempo è galantuomo, talvolta.
    Cordialmente.

  4. Io ho avuto un collaboratore che leggeva gli Harmony ma si dimostrava validissimo nel suo lavoro. Lei è uno di quelli che si sorprende di un Totti che non coniuga bene i verbi io faccio parte di quelli che pensano, invece, che a Totti sia richiesto di fare goal in un campo di calcio. Evidentemente Lei cercava chi le insegnasse di letteratura… altrimenti non si spiega questo suo rifiuto cosi netto della candidata.
    Saluti (comunque leggo sempre con piacere i tuoi post)
    M@x

  5. Gentile Max, confermo che ogni persona deve sapere fare bene il lavoro per cui è assunto. Tuttavia, talvolta è bello sapere che dietro l’esecutore sta anche una persona ricca di contenuti. Ciò che mi ha sorpreso non è tanto il fatto che la persona legga o non legga, ma la supponenza con cui viene sbandierata una cultura che tale non è. Con riferimento poi alla selezione specifica, ritengo che per una posizione HR sia benvenuta anche una cultura umanistica solida.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...