L’Italia è una repubblica sfondata sul lavoro


Nel senso che noi Italiani abbiamo il posteriore sfondato a forza di lavorare, di pensare al lavoro che c’è, al lavoro che non c’è, al lavoro che dovrebbe esserci e a quello che non ci spetta, a quello che ci rubano, a quello che ci impongono. Vorrei vivere in un paese in cui il lavoro non fosse un diritto: quanto è triste sapere che ho uno stato che mi dice che il fatto di spaccarmi la schiena sia un mio diritto. Vorrei altri diritti garantiti dallo stato, ultimo il lavoro: il diritto alla salute, il diritto di godere della natura non inquinata, il diritto di studiare e migliorare me stesso non in quanto lavoratore ma in quanto uomo, il diritto a una casa e a un’energia pulita, il diritto ad un’attività autonoma, artigianale o imprenditoriale.

A chi giova il diritto al lavoro? Pensateci.
Giova a chi lavora perché in questo modo non è sulle spalle dello stato, giova a chi lavora perché questi può gudagnare e comprare (può “raggiungere un livvello soddisfacente di benessere” tradotto dall’ipocritese vuole dire solo può spendere tanto, molto di più che in passato), giova a chi produce perché in questo modo può continuare a produrre.

Voto il politico che mi dice che il lavoro non né un diritto, né un dovere, ma un male necessario; ma non succederà, tutti sono d’accordo che gli italiani sono “brava gente, gran lavoratori” e tutti a indignarsi per chi perde il lavoro.

Annunci

Un pensiero su &Idquo;L’Italia è una repubblica sfondata sul lavoro

  1. Ben detto! Condivido pienamente quello che dici. Infatti il preambolo della nostra costituzione che recita “L’Italia è una repubblica fondata sul lavoro” è stato voluto da Togliatti su imitazione della costituzione dell’Unione Sovietica, e rivela una concezione marxista della società. La costituazione degli USA, se non mi sbaglio, credo che parli di diritto alla felicità, non di diritto al lavoro. E’ anche per questo, tra l’altro, che la nostra costituzione andrebbe cambiata, ma appena se ne parla c’è tutto il centro sinistra che si straccia le vesti parlando di rischio dittatura.. Purtroppo ci sono tanti ragazzi giovani che non capiscono un cazzo, e plagiati dalle sirene della sinistra, ci credono..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...