Mi devi pagare (cronache da un bordello milanese)


La frase mi risuona in testa da molto tempo, il suo braccio che trattiene il mio e il suo sguardo perso tra la supplica e la minaccia, mentre le parole escono dalla bocca semichiusa. Dice di chiamarsi Elio, di abitare a Piazzale Lagosta e di essere venuto poche volte in quel posto. Questo è quello che dice prima, mentre si avvicina e con gli occhi neri guarda me, che lo voglio. Nello scantinato, intorno a noi solo panche di legno separate dalle altre da una tendina, l’odore di umidità, di sperma e di sigaretta si mescola a quello del suo corpo, eccitandomi. Dietro la tenda, lo seguo, si spoglia nudo e si pulisce l’uccello. E’ piccolo e stenta a raggiungere l’erezione, il corpo invece è un fascio di muscoli, coperto da una pella morbidissima e buona.

Prima dello scantinato, prima del ragazzo dagli occhi neri, prima, c’è stato un prima a questa debacle, un prima e un sopra, al piano terra, tra tavoli di metallo e divani rossi pareti rosse e un palchetto con sopra un supermuscoloso vestito di lattice che si spoglia al suono di Feel it, sempre feel it, la stessa di sempre. Si spoglia completamente nudo e passa tra i tavoli a farsi succhiare l’uccello. Avrei dovuto capire qualcosa, no? No perché quando in una tarda serata d’estate a portarti dentro l’ultimo bordello di Milano è la voglia di scoprire a tutti i costi, di accettare e capire, te stesso soprattutto, non ti accorgi neppure che stai entrando in un bordello, ma pensi al classico club super perverso dove al massimo ti becchi due che fanno un fist fucking. E invece dentro sono molti vecchi vecchi e giovani giovani, un mercato, l’ultimo bordello ufficiale per finocchi a Milano.

Mi devi pagare. Per cosa? Per il cazzetto semimoscio che mi hai fatto vedere? Per averti accarezzato le natiche mentre tu tentavi disperatamente di cacciare fuori due gocce di sperma? Avessi saputo, avrei guadagnato 20 euro. Tanto mi ha chiesto, nulla gli ho dato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...