Erezione metropolitana milanese


I piedi, benedetti piedi, quelli mi hanno stregato: seduto in metropolitana leggo e sono colpito dai piedi dell’uomo seduto di fronte a me. Piedi curati, grossi, pianta larga, venosi, infilati in un paio di infradito nere. Si lo so, siamo a giugno, di solito le infradito a Milano mi fanno un po’ schifo, soprattutto vederle alle 8 del mattino in metropolitana. Ma queste no, tutt’altro. Il collo del del piede lascia intravvedere la peluria biondo scuro, su pelle già abbronzata. Il jeans è lungo e scolorito, la maglietta rossa a maniche corte: tutto il resto è pelle, corpo scoperto, braccia, collo, mani, labbra, occhi. Sorriso, si perché quest’uomo, questo ragazzo metropolitano delle otto del mattino, mi sta sorridendo mentre lo guardo, mentre lo mangio e lo sento già dentro la mia bocca.

Pensiero cattivo mio: si va bene, è una marchetta, rimettiamoci a leggere.

Pensiero qualunque mio, un pò meno cattivo: certo però che una marchetta alle 8 del mattino in metro… cosa ci fa? Ah, forse torna dal turno di notte.

Pensiero deprimente mio: si però che triste, questo mi ha scambiato per un ricco quarantenne frustrato in cerca di sesso veloce a pagamento.

I miei occhi sono fermi da circa 5 minuti sulla stessa riga del libro, sto diventando strabico nel tentativo di tenere un occhio sul libro e l’altro su di lui: mi sforzo, non riesco, alzo lo sguardo su di lui e scopro che adesso non sorride più, guarda dritto nei miei occhi ed in quel momento è come se mi spogliasse.

Ho un’erezione, ho i pantaloni dell’abito, l’erezione si vede, la copro con la borsa dell’ufficio ed anche lui ha un’erezione, ci appoggia sopra la mano. Io ho doppia erezione, tripla erezione a vedere la mano poggiata sull’erezione.

E tutt’intorno gli altri, quelle signore sfatte con la borsa di plastica e dentro la schiscetta, quelle che le vedi e capisci perché l’uomo le molla. Le donne, innocenti evasioni, non s’accorgono o forse, loro mi direbbero, fanno finta di non accorgersi. Io sento di avere già bagnato la mutanda con le prime gocce di rugiada, lui si alza e si dirige verso la porta per uscire. Avrà al massimo 30 anni, gli occhi sono grigi, visto in piedi è altto, il suo culo è molto muscoloso, il fisico è asciutto, mi guarda e con la mano fa cenno. Dice senza parlare: su andiamo, vuoi o non vuoi passare la mattinata con me a leccare la mia pelle ambrata? Ci facciamo una doccia insieme e puoi accarezzarmi, puoi succhiarmi, poi ti riempirò la bocca con il mio seme e ti piacerà ingoiarlo.

Che faccio?

Sono sceso con lui e vaffanculo al lavoro, quando mi ricapita più un’occasione così. No, non è vero, non sceso con lui, avevo già i pantaloni bagnati, troppo bagnati, appiccicati.

Annunci

I want to be your umbrella


Mi chiamava mi pimpolin, mi diceva moro mou, mi infilava un dito in bocca e mi toccava la lingua.

Mi prendeva il membro tra le mani e mi diceva andiamo là dietro che ti bacio

Mi guardava con gli occhi blu e mi diceva ho 44 anni, ma in realtà ne aveva solo 38.

Mi portava a cena sulle alture e mi scostava la sedia per farmi accomodare.

Mi spezzava il pane per darmene un pezzo e mi versava il vino dalla caraffa di latta blu

Mi diceva cosa leggi ma poi si voltava verso il mare e diceva andiamo a far l’amore.

Alle otto il sole non c’è già più e lui mi porta dietro un agave spezzata all’ombra di un pino marittimo solitario. Mi dice I want to be your umbrella. Poi continua a succhiare fino in fondo. Mi guarda ancora e ripete I want to be your umbrella. I want I want I want to be to be to be. Now: eccoti servito. Devi prendere tutte le gocce che cadono, non perderne neppure una. Sei o non sei la mia umbrella? No, non lasciarle cadere, fai in modo che siano le tue labbra a raccoglierle.

E che sia la volta buona che Gabriel sparisca.

La discrezione non è il tuo forte, gay!


Un uomo che aggredisce un altro uomo compie un’azione spregevole, indipendentemente dalla ragione che l’ha spinto. Non dobbiamo certo scandalizzarci se il motivo scatenante è il fatto che un uomo stia baciando un altro uomo, ma dobbiamo scandalizzarci del fatto che un uomo non sia sicuro nella città di Roma. Con questo non intendo giustificare in alcun modo l’aggressione al gay village di Roma, ma mi fa sorridere il commento di solidarietà verso la comunità gay, espresso a più voci da vari e colorati esponenti della destrasinistradestrachissenefrega italiana., nonché l’indignazione del sinistrorso da bar, che deplora tale aggressione verso la comunità gay.

Ma dove viviamo? Vogliamo fare passare per normale due uomini che si baciano – poi dobbiamo vedere se si baciavano o se si stavano tirando una sega o facendosi un pompino – in mezzo alla strada? Ma cosa ci raccontiamo? Il fatto che lo possano fare sarebbe indice di un paese in cui i diritti umani sono rispettati? Mi paicerebbe vedere il gay, ma non solo il gay, l’uomo in generale vivere con discrezione i propri sentimenti e istinti e lottare affinche vengano davvero rispettati i diritti umani, che sono un’altra cosa dal “diritto” di scoparsi liberamente su una panchina.

L’aggressore deve essere punito. Ma punito perché ha aggredito due persone: non perché queste due persone erano gay che si stavano baciando. Solo così usciamo dalla vergognosa macchietta nella quale vogliono farci vivere: due persone sono state aggredite. Punto. Per questo l’aggressore deve essere punito. Punto. Il fatto che fossero due gay in atteggiamenti intimi non deve né migliorare né peggiorare la condanna del fatto e se vogliamo invece sottolineare che erano due gay in innocenti effusioni non facciamo altro che buttarci fango addosso.